lunedì 19 febbraio 2018

GNOCCHI DI PISELLI CON SPECK

  
 
 

Gnocchi, gnudi, chicche o strangolapreti, i nomi si sprecano anche se la sostanza è simile. Si tratta di una preparazione di “pasta fresca” easy.

Mi spiego meglio, sono impasti a base di patate oppure verdure a foglia, ricotta o come in questo caso, di legumi, legati da poca farina e pochissimo uovo, che vengono precotti e poi formati a mano, quindi una preparazione veloce e golosa.

Hanno dimensioni che variano da una piccola nocciola per le chicche
a una grossa noce per gli gnudi.

Sono molto versatili e in Italia regione che vai ricetta che trovi, si prestano a mille condimenti, ottimi anche con un ragù leggero di pesce, per un piatto diverso e raffinato.  
 
 
 
 
 

Ingredienti per 4 porzioni
400g piselli gelo o freschi
1    patata grossa (circa 200g pulita)
1    uovo
150g farina tipo 0 (quantità relativa all’umidità di piselli e patate) + quella per la formatura
Sale e pepe
     Per condire
150g speck tritato grossolanamente o a listarelle
2    foglie di alloro
Due noci di burro o olio evo
 
Procedimento
Lessate le patate e schiacciatele. lessate anche i piselli in acqua bollente salata. Scolateli bene e frullate a immersione, quindi trasferite piselli e patate su di un vassoio e allargate bene, in questo modo evaporerà l’umidità, poiché dobbiamo ottenere un pesto il più possibile asciutto.
Non appena sarà raffreddato, trasferite in una ciotola e incorporate l’uovo, il sale e il pepe; completate l’impasto aggiungendo la farina fino a ottenere la giusta consistenza da essere manipolato (risulterà comunque un impasto morbido).
Per formare gli gnocchi, prelevate una noce di impasto e fatelo rullare tra i palmi delle mani, aiutandovi con un poco di farina, dovranno avere una forma a fuso. Disponeteli su di un vassoio infarinato.
In una padella antiaderente, sciogliete due noci di burro con l’alloro e lo speck senza rosolarlo troppo.
Lessate gli gnocchi in acqua bollente salata e cuoceteli circa 3-4’ da quando verranno a galla. Scolateli con una ramina e trasferite direttamente nella padella con lo speck, saltate 30” e servite in purezza o con una spolverata di formaggio grattugiato non troppo stagionato.

 

Nessun commento:

Posta un commento