lunedì 9 settembre 2013

GNOCCO FRITTO MENU'

che dire? buono, versatile, accattivante e...velocisssssimo da preparare


i miei nonni ed anche i miei genitori facevano colazione tutte le mattine con "il" gnocco fritto, si alzavano alle 5 del mattino e come prima cosa andavano a mungere (a mano) tutte le mucche, poi verso le 7 e 30 il profumo di fritto li chiamava a tavola per fare finalmente colazione e per quelli che andavo direttamente nei campi, i piccoli della famiglia, li raggiungevano con i cesti di gnocco fritto, il caffellatte ed il vino sottile e questo era l'inizio della giornata tipo della comunità contadina di circa 60 anni fà
adesso, mangiare "il" gnocco fritto è un lusso calorico che ci concediamo ogni tanto, visto che quelli che lavorano nei campi dalle 5 del mattino non esistono quasi più






 
   ingredienti:
700g   farina 00
400ml  latte 
35g    strutto
1      cucchiaio di sale fino
1      cucchiaino di lievito per torte salate
1      pizzico di zucchero
1 lt   olio di arachidi
 
In una ciotola miscelare le polveri.
Scaldare il latte con lo strutto, versare sulla farina già miscelata, impastare velocemente a mano fino ad ottenere una palla liscia (più la si impasta più diventa ruvida) se si ha tempo far riposare in un sacchetto per freezer, a temperatura ambiente, almeno 1 ora.
Stendere a  circa 3mm, se lo stendete con la macchinetta, per praticità, dividere la massa in 4 palline equi pesanti,  come vuole la tradizione tagliare a rombi e friggere in olio profondo e ben caldo.
  
...adesso viene il bello,
 
mentre l'impasto riposa bisogna preparare il companatico, cioè tutto ciò che andrà a farcire le coppie di gnocco fritto, per questo menù che ho preparato ad amici, ho servito:
salumi affettati,
formaggi misti come stracchino, parmigiano reggiano e pecorino sardo,
pinzimonio dove non possono mancare i cipollotti,
ricotta e fichi caramellati,
marmellata di amarene e marmellata di prugne fatta in casa,
uva e melone.


Nessun commento:

Posta un commento